Sign In

Kaji

Kaji

Per chi (come me) abita in zona conca d’oro Kaji è sempre stato un punto di riferimento, un ottimo sushi di quartiere.
Il posto vicino casa dove andavi quando avevi voglia di sushi o cucina fusion, ma che non avresti mai inserito tra i migliori sushi, o dove non saresti andato quando volevi osare un po’ di più e provare qualcosa si ricercato…
Dopo diversi anni di lavoro (credo sia aperto fa 6/7 anni) la proprietà ha finalmente deciso di portare Kaji ad uno step successivo, trasformando il sushi di quartiere in un sushi che può competere con i top della capitale.
Partiamo infatti dalla location. Lavori di ristrutturazione fatti da qualche mese, il locale ha un design innovativo, sedute comode, zona tatami e un ampissima zona esterna (che non da su strada, molto tranquilla).
Ma il cambiamento più importante arriva nel menù con tanti nuovi piatti assolutamente da provare.
Siamo partiti dagli antipasti, per passare a gunkan, nigiri e infine uramaki.
Abbiamo provato solo la parte sushi anche se la cucina fusion sembrava interessante sia per varietà nel menù, sia per qualità (giravano bei piatti in sala), ma parliamo di quello che abbiamo provato.
Tra gli antipasti consiglio vivamente i carpacci, i tacos e soprattutto il fiore di zucca con gambero e tartufo.
La sezione nigiri è molto ampia, ci si può sbizzarrire e non solo con il salmone. Tra i gunkan consiglio vivamente quello con il gambero crudo e con il salmone scottato e pistacchio.
Passiamo agli Uramaki che sono il vero pezzo forte del locale.
Questi i 3 che ho preferito
-Uramaki con salmone e avocado, tartare di salmone spicy, zafferano e piccante.
-Uramaki con gambero in tempura, avocado e fois gras.
-Uramaki con gambero in tempura, avocado, jalapeno e salsa spicy.

Essendo un Ayce ovviamente il prezzo è fisso, 19,90€ pranzo 25,90€ cena

Passiamo ai voti
Location 8,5
Qualità del cibo 8,5
Varietà del menù 8
Impiattamento 7,5
Servizio 7,5

Voto totale: 8 pieno 🤩

Clicca qui se vuoi guardare la Reel recensione su instagram

Vai agli altri articoli del Blog


Lascia un commento